Che cos’è la fornitura di affari

Si tratta di un contratto tramite il quale un procacciatore d’affari fornisce al proprio cliente delle informazioni o dei contatti che gli permetteranno di realizzare un’operazione economica o finanziaria. o di metterlo in contatto con nuovi potenziali clienti, fornitori o partner. Questa attività non è una professione regolamentata, o almeno non ancora. Ciò non preclude la sua esistenza nel tessuto economico e commerciale di una società, ed è totalmente accettato dall’amministrazione fiscale, in quanto viene comunque inquadrato all’interno di certe disposizioni amministrative.

Fate della fornitura di affari un nuovo modo per lo sviluppo commerciale.

La fornitura di affari è una soluzione semplice, efficace ed economica, che esiste da sempre ma senza essere mai stata sfruttata in modo razionale e strutturato. Può essere un’alternativa che sostituisce o affianca i metodi tradizionali.

Che cos’è un procacciatore d’affari?

Il procacciatore d’affari è una persona fisica che possiede delle competenze (lavorative o relazionali) in uno o più ambiti, tali da permettergli di aiutare un’azienda a sviluppare il proprio business, in modo occasionale o anche più strutturato. Il procacciatore d’affari può essere un lavoratore, un pensionato, uno studente o qualcuno in cerca di lavoro… insomma, chiunque può essere un procacciatore d’affari. Magari non conosce un preciso mestiere ma è ben inserito in una filiera di distribuzione. Ogni azienda può trovare il procacciatore d’affari che faccia i suoi interessi, e lo può trovare sotto casa o dall’altra parte del mondo. Egli può avere una rete personale molto vasta, una reale esperienza di vendita, o qualsiasi altra capacità. Potrebbe voler continuare un’attività professionale anche dopo il pensionamento, potrebbe essere in cerca di una fonte di reddito secondaria, o magari è alle prese con la sua prima esperienza di lavoro e vuole lanciarsi in una professione in ambito commerciale.

Quali sono gli obblighi del procacciatore d’affari?

La missione del procacciatore d’affari è quella di mettere in contatto due o più parti interessate a concludere delle operazioni commerciali. Egli deve fare del suo meglio affinché si verifichi il contatto tra le parti. Tuttavia non può essere ritenuto responsabile nel caso in cui le parti non concludano un affare.

Perché redigere un contratto di procacciamento di affari?

Quello del procacciatore d’affari rientra nella vasta categoria dei contratti che, in Italia, non richiedono una forma scritta affinché siano validi. Può essere semplicemente un accordo consensuale e orale. Tuttavia consigliamo sempre di redigere in forma scritta il contratto di procacciamento d’affari; in questo modo le parti si dotano di una prova certa della realtà e della portata dei loro rispettivi impegni.
Poiché la figura del procacciatore d’affari non è espressamente regolamentata dal codice civile, il contratto stipulato tra le parti (procacciatore d’affari e impresa) prevale a fronte di eventuali disaccordi che dovessero insorgere tra di loro.

Come remunerare un procacciatore d’affari?

Tipicamente la remunerazione per il procacciatore d’affari è rappresentata da una percentuale del giro d’affari che l’azienda avrà prodotto grazie a lui. Tale percentuale viene stabilita preliminarmente dalle parti e dovrebbe essere messa per iscritto nel contratto di procacciamento di affari. Il pagamento della provvigione avviene solo dopo l’adempimento delle condizioni previste dal contratto. L’azienda dovrà registrare l’ammontare e la natura di queste commissioni nella sua contabilità. Il procacciatore è tenuto a dichiarare le somme percepite. Al fine di legalizzare i ricavi e le spese sostenute, è opportuno che il procacciatore d’affari emetta una fattura (o una semplice nota d’onorario), una prova cartacea della richiesta di pagamento di commissioni a fronte di una prestazione. Questa è anche una prova per l’azienda per certificare un’uscita di cassa.

Procacciatore d’affari o agente di commercio?

  • L’agente di commercio ha il compito di compiere atti commerciali e giuridici, mentre il procacciatore non è altro che un mediatore che fa l’interesse del committente.
  • Il procacciatore non è un costo fisso per l’azienda.
  • Un agente di commercio può essere un procacciatore d’affari, e viceversa.
  • Lo status di agente di commercio è espressamente regolato dal diritto contrariamente al procacciatore d’affari.
  • Il procacciatore d’affari si differenzia per la mancanza del requisito di “stabilità” che contraddistingue invece l’agente di commercio.
  • Il procacciatore d’affari non ha vincoli territoriali nè diritto di esclusiva, salvo diversamente espresso dal contratto.
  • Il procacciatore d’affari è un’attività che può anche essere svolta in modo occasionale, e in questo modo non richiede l’iscrizione alla camera di commercia, nè apertura di partita iva, nè tutti gli altri obblighi che gravano sull’agente di commercio.

Riassumendo: il procacciatore d’affari non costa nulla finché non porta affari (ovvero ricavi) al committente. Non ha bisogno di essere inquadrato all’interno dell’organizzazione dell’azienda e viene ricompensato con una percentuale sul fatturato prodotto grazie al suo contributo.

 

La fornitura di affari è una soluzione complementare allo sviluppo del vostro business e vi apre una moltitudine di opportunità di affari a cui non avreste mai immaginato.

Nei fatti, la soluzione del procacciatore d’affari si inserisce in una strategia più generale di passaparola. Quindi, è utile avere un gran numero di procacciatori d’affari.

Il procacciamento di affari può essere una fonte di guadagno complementare che permette di valorizzare la propria rete di contatti, piuttosto che un’attività lavorativa principale  ed essenziale per i propri guadagni.

Il procacciatore d’affari competente in un determinato settore saprà consigliarvi durante tutto il ciclo di vendita, al fine di aumentare le vostre possibilità di concludere affari.

E non dimenticare di investire un minimo del tuo tempo per reclutare, formare e animare la vostra rete di procacciatori d’affari.

La fornitura d’affari è una nuova logica per lo sviluppo commerciale.

Comments are closed.